Giara ovoidale con coperchio (lien)

12759/14488
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Contenitori e recipienti
Nazione, Regione, Provincia
Italia, Lazio, RM
Città
Roma
Inventario
12759/14488
Materia e tecnica
Gres chiaro con vetrina ferruginosa di tonalità verdastra
Datazione
Secc. XI-XII; Dinastia Ly (1009-1225)
Provenienza
Vietnam settentrionale; verosimilmente fornaci di Thanh Hoa (regione del delta del Song Hong/Fiume Rosso).
Dimensioni
Altezza 22 cm
Copyright immagine
Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci'

Descrizione breve

Vaso a corpo ovoidale con base piatta e tozzo collare sottolineato da una corona di petali di loto nettamente intagliati. L’orlo estroverso ospita il labbro del coperchio “a calotta” con bottone di presa “a bocciolo di loto” circondato da una corolla di petali simili a quelli del collare. Sulla spalla sono applicati orizzontalmente, a distanza regolare, quattro accessori "a nastrino", ciascuno dei quali forma una piccola asola per il passaggio di un cordino o nastro che originariamente doveva assicurare la tenuta del coperchio. Questo tipo di giara, per derrate alimentari o bevande, rappresenta una delle creazioni più originali dei vasai del Vietnam settentrionale nel periodo della dinastia Ly, anche se il nitore della decorazione suggerisce una più che probabile ispirazione allo stile della coeva oreficeria prodotta nel regno Cham, nell'odierno Vietnam meridionale. Giare di questo tipo, oltre ad essere molto richieste sui mercati dell'Asia sud-orientale dell'epoca, furono poi ricercatissime dagli aristocratici giapponesi del sec. XVI, i quali stimavano la sobrietà della forma particolarmente adatta alla 'Cerimonia del tè' (giapp. Chanoyu); in particolare, vasi di questo tipo –chiamati in giapponese mizusashi- erano usati per contenere l’acqua da versare nel bollitore.

Bibliografia

Inedito