Presentazione del progetto didattico : "I Racconti dell’Astuto Ministro del Re"

Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci' - a cura del Servizio Didattico

15 dicembre, 2011 - Iniziative

 

Giovedì 15 dicembre alle ore 16.30

presentazione del progetto didattico 

I Racconti dell'Astuto Ministro del Re

intervengono

G. Manna responsabile Servizio Didattico MNAO

- illustrazione del progetto didattico

M.A. Polichetti curatore dei settori Tibet e Nepal MNAO

- introduzione alla cultura del Tibet

S. Autiero presidente Associazione Culturale Vidyā - Arti e culture dell'Asia

- i racconti del folklore tibetano

A. Fusaro Associazione Culturale Vidyā - Arti e culture dell'Asia

- visita guidata alle collezioni tibeto-nepalesi

C'era una volta in una lontana regione dell'Asia un re ricco ma così ricco

da avere i forzieri stracolmi di gioielli e denari; siccome era anche molto

avido, la vista di quei tesori non gli bastava mai, e per accumularne

ancora e sfidare gli altri re, imponeva delle tasse pesantissime ai suoi

sudditi, che non ne potevano più. Per fortuna a mettere un freno alla sua

ingordigia c'era un saggio consigliere......

Progetto Tibet 

Nyi chos bzang po è il difficile nome di un personaggio comico della tradizione popolare tibetana. Le avventure di questo acuto ministro o servitore sono ambientate a sNe'u gdong, città nella regione di Lhoka, sempre citata per il suo splendore, nel Tibet sud-orientale.

Le storie si collocano intorno al 1300, all'epoca del re Tai Si Tu Chang Chub Gyel Tsen, che riuscì a ristabilire il potere della dinastia dei Pha Mo Dru pa messo a repentaglio dai suoi predecessori; egli si dimostrò intransigente con tutti i sudditi e li costrinse a pagare delle tasse così pesanti che i poveri furono ridotti alla fame. Per questo atteggiamento rigoroso e a volte crudele, egli è ricordato nella tradizione sì come un abile amministratore, ma soprattutto come un tiranno.

Nyi chos bzang po è un consigliere della corte di sNe'u gdong, amante della giustizia e pronto a prendersi gioco degli altri dignitari: il suo ruolo è quello di capovolgere gli eventi a favore degli umili e denunciare l'abuso del potere del re, deridendolo fino a renderlo stupido agli occhi dei più umili.

Le peripezie di Nyi chos bzang po, raccolte in un libricino pubblicato in Tibet nel 2000 sono state recentemente tradotte dal tibetano e messe a disposizione - dallo stesso curatore della versione italiana - del Servizio Didattico del Museo per creare un percorso educativo sulla civiltà di coloro che vivono sul "tetto del mondo".

Le vicende di Nyi chos bzang po saranno infatti il filo conduttore che accompagnerà i ragazzi durante una visita alla sala del Museo dedicata alla civiltà del Tibet e del Nepal; durante il percorso saranno sottolineati quei particolari utili per offrire uno spaccato della vita religiosa ma anche quotidiana - come vivono, come si vestono, cosa mangiano - di queste popolazioni.

Al termine della visita, un'attività ludico-didattica offrirà nuovi spunti agli allievi, che avranno modo così di approfondire alcuni temi particolari.

Infine, ad ogni classe sarà affidato una racconto del folklore tibetano: saranno proprio i ragazzi ad intervenire sul testo, contestualizzando la storia, trovando analogie con personaggi e fiabe che conoscono, a creare le illustrazioni di accompagno al testo, che verrà poi pubblicato sul sito internet del Museo.

La durata prevista per le attività nel loro complesso (visita alla collezione e laboratorio) è di 2 ore circa.

Per la realizzazione delle attività elencate si richiede un contributo di € 3.50 ad alunno.

a cura del Servizio Didattico MNAO

 

mn-ao.didattica@beniculturali.it

www,museorientale.beniculturali.it