"Ciao Fratello. Un incontro tra Pulcinella e Mobarak"

Museo Nazionale d'Arte Orientale 'Giuseppe Tucci' - a cura di Bruno Leone, Aram Ghasemy, Pejman Tadayon

23 febbraio, 2014 - Seminario

Nellambito delle iniziative per  la mostra

IL PRINCIPE E LA SUA OMBRA

Burattini e marionette tra Oriente e Occidente dalla Collezione di Maria Signorelli

18 dicembre 2013 – 5 marzo 2014

 Domenica 23 febbraio alle ore 12,00 e alle ore 17,00

Ciao Fratello! Un incontro tra Pulcinella e Mobarak

  Seminario interculturale con marionette e burattini

a cura di

Bruno Leone, Aram Ghasemy e  Pejman Tadayon

Due maschere provenienti da paesi lontani tra loro si incontrano e subito si accorgono di essere simili e questo li disturba, così ognuno cerca di prendersi gioco dell’altro.

Ma il segreto di Pulcinella è uguale a quello Mobarak e l’iniziale diffidenza diventa incontro nel segno dell’amicizia e della pace: dietro le loro facce scure, Mobarak e Pulcinella celano idee molto chiare sull’umanità.

 

Regia e animazione di Bruno Leone e Aram Ghasemy

Musica tradizionale persiana di Pejman Tadayon (tar, tonbak, robab, kamanche)

 

Aram Ghasemy è nata in Iran

aramNel 1997 si è laureata presso la Facoltà di Teatro dell’Università di Arte e di Architettura di Teheran. Nel 2002 si è diplomata come attrice presso l’Accademia di Recitazione Amin Tarokh/Film Acting Studio, Teheran. Dal 2004 al 2007 ha frequentato la scuola della danzatrice Hayedeh Kishipour a Tehran.

Dal 1995 lavora in teatro, cinema e televisione come attrice, scenografa e doppiatrice. Dal 2000 è autrice e regista teatrale e ha fondato la compagnia Tarmeh (La Veranda Luminosa), nella quale insegna teatro anche ad attori con disabilità.  Ha collaborato con artisti importanti come Daryoosh Mehrjooei, Amin Tarokh, Behruz Baghaei, Hosein Panahi, Mohamad Reza Sharifi Nia, Mesud Keramati, Ali Omrani, Shahla Riahi, Parastoo Golestani, Mahtab Keramati, Shahin Alizade, Mohammad Alami.

Dal 2007 si è trasferita in Italia, dove ha interpretato e diretto gli spettacoli “Mela Rossa Lupo Nero” e “il Potere di Zahhak”, “Il Giorno Prima”, “Kaka Siah Sbarca a…” andati in scena in Italia, Germania e Finlandia. Dal 2010 ha recitato negli spettacoli di Paola Mandel “Le Vie dei Racconti” e di Laura Pasetti “Sarabanda”. Nel 2013 ha collaborato con la danzatrice Maria Luisa Sales alla realizzazione dello spettacolo di teatro-danza “Serpentha”. Dal 2010 insegna danza persiana a Milano. Nel 2011 ha tenuto un seminario sul teatro tradizionale persiano all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e nel 2012 un workshop sulla danza e il teatro tradizionale persiano alla “Sapienza”, Università di Roma.

compagniateatraletarmeh@gmail.com

www.aramghasemy.com

 

Bruno Leone, burattinaio napoletanoleone

“(…) è l'ultimo grande interprete dei canovacci classici di Pulcinella, che rielabora con vera poesia e con somma perizia tecnica. Durante le sue performance gli spettatori sono catturati e trascinati in uno stato di euforia, di leggerezza, di allegria dalla storia che prende vita sotto i loro occhi.”

Nel 1978 Bruno Leone apprende l'arte delle guarattelle da Nunzio Zampella, ultimo maestro guarattellaro napoletano, ed evita in tal modo la scomparsa di una tradizione che risale a girovaghi e saltimbanchi medievali. L'arte delle guarattelle deve la sua vitalità alla capacità dei burattinai di coniugare memoria e attualità in un rapporto molto attento col pubblico. Bruno Leone, che ha ripreso canovacci e stili di quest'arte, ha contribuito con efficacia alla ripresa di un genere teatrale tanto importante per la storia della cultura napoletana ed europea. Bruno Leone presente le storie di Pulcinella riattualizzando i canovacci antichi nella loro modernità e universalità alternandoli con altre storie antiche emoderne, e oltre che spettacolo la sua performance diventa incontro, lezione, storia, viaggio insieme nel mondo meraviglioso delle guarattelle: commedia dell’arte antica e moderna. Per la messa in scena si è avvalso negli anni della collaborazione artistica di Mimmo Cuticchio, Renato Carpentieri, Tonino Taiuti, Davide Iodice e Raffaele di Florio.

http://www.guarattelle.it/home.htm

 

pejmanPejmanTadayon nasce a Esfahan (Iran) nel 1977. Inizia a studiare il Radif (repertorio antico di musica classica Persiana) e gli strumenti persiani (târ e setâr) con i maestri Kamran Keyvan, Mohammed Reza Lotfi e Behrooz Hemmati e si esibisce in diversi concerti in Iran.

Nel 2003 si trasferisce a Firenze, dove studia composizione presso la Scuola di Musica di Fiesole e pittura all'Accademia di Belle Arti. Nel 2005 si trasferisce a Roma, dove studia all’Accademia di Belle Arti e collabora con il gruppo di musica tradizionale persiana “Sarawan – Tamburi d’Iran” e con diversi musicisti trai quali: Mauro Pagani, Massimo Ranieri, Patty Pravo, Andrea Moricone, Andrea Parodi, Paolo Vivaldi (con cui ha pubblicato l’album “Chador”). Nel 2006 fonda il gruppo di musica tradizionale persiana “Navà” nel 2007 incide il cd “Viaggio nei colori”. Nel 2008 partecipa come attore e musicista al film “L’ultimo Pulcinella” opera del M° Maurizio Scaparro e attore protagonista Massimo Ranieri. Nel 2009 collabora di nuovo con il M° Maurizio Scaparro come musicista e attore, portando in scena la commedia teatrale “Polvere di Baghdad” con Massimo Ranieri e Eleonora Abbagnato. Nello stesso anno fonda il gruppo “YAR” (Iran, Italia, India) con Andrea Piccioni e Sanjay Kansa Banik e pubblicano il cd “Yar Ensemble”. Collabora con Moni Ovadia e l’Esquilino Young Orchestra come insegnante di oud e percussioni. Nel 2010 viene pubblicato il secondo cd del gruppo Navà “Hilat”. Nel 2012 collabora con Silvio Orlando come attore e musicista. Fonda il "Pejman Tadayon ensemble" un progetto dedicato alla spiritualità e al Sufismo, nel 2013 viene pubblicato il cd "universal sufi music". Insegna oud, târ e setâr e teoria della musica orientale.

www.pejmantadayon.com

 

prenotazione obbligatoria inviando una mail a mn-ao.didattica@beniculturali.it

SARA' INVIATA UNA CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

L’ingresso è consentito fino ad esaurimento posti in sala

La partecipazione all’evento è gratuita

l’ingresso in museo è regolato come di consueto (€6,00 biglietto intero € 3,00 biglietto ridotto)

con il patrocinio:

                                                                                                                                                      

con la collaborazione di:

mn-ao.direzione@beniculturali.it

www.ilprincipeelasuaombra.beniculturali.it

Documenti da scaricare